Quanto costa fare un figlio in Italia? Ecco i numeri

genitori

Mettere al mondo un figlio, e farlo in Italia, può rivelarsi una scelta controproducente per le proprie finanze. Gli ultimi dati Istat parlano chiaro: in Italia sono sempre meno le persone che decidono di mettere al mondo un figlio, con una diminuzione delle nascite che ormai viaggia su un -2.4% su base annua. E questo dato in effetti dà la misura di come il Belpaese non sia poi tanto friendly per quanto riguarda il trattamento riservato ai futuri genitori.

Come dimostrano i dati, le spese da mettere in lista per far nascere e mantenere un figlio sono piuttosto consistenti: dalle visite mediche necessarie già nel primo periodo della gravidanza, fino alle voci di costo che compaiono nei primi anni di vita; per non parlare poi di pannolini, vestiti, asili nido e così via. Ma esattamente quanto costa fare un figlio in Italia?

A fare chiarezza su questo ci ha pensato Federconsumatori, che in una sua recente analisi ha monitorato le spese che bisogna sostenere per un figlio, da 0 a 18 anni. Ebbene, per mantenere un figlio fino alla maggiore età, una famiglia con un reddito medio può arrivare a spendere fino a 170mila euro, anche se comunque questa spesa varia in base a tutta una serie di fattori che tengono conto ad esempio della salute del nascituro, del reddito a disposizione della famiglia e di altri parametri di questo genere.

Il costo maggiore da sostenere sarebbe quello legato al primo anno di vita, visto che in questo arco di tempo i genitori potrebbero dover sborsare tra i 6.500 euro e i 15.0000 euro. In queste stime elaborate da Federconsumatori rientrano tutte le possibili voci di costo, dalle spese per l’alimentazione fino alle visite mediche, dal costo dei pannolini fino alle spese legate a culla, accessori e vestiti.

Tra i costi più alti che le famiglie si ritrovano a dover sostenere per i propri figli rientrano le spese per l’abitazione, che prendono un buon 45%, e quelle per l’educazione, che arrivano a toccare anche l’82% dell spesa totale. I costi maggiori sul fronte dell’istruzione sono quelli legati all’iscrizione all’asilo nido, differenziati comunque in base al reddito e alla residenza, con una spesa che può persino sfiorare i 600 euro al mese.

Add Comment