L’economia e il commercio ai tempi della Grecia antica

La struttura economica e sociale della Grecia classica, comprese le colonie diffuse nel Mediterraneo, aveva molte caratteristiche in comune con altre civiltà agricole. Così, mentre la Grecia dell’ottavo secolo dipendeva chiaramente dall’agricoltura, aveva un’aristocrazia basata su grandi proprietà terriere e rivendicazioni speciali al servizio militare.

Allo stesso tempo, molti agricoltori erano indipendenti, possedevano i loro appezzamenti di terreno e rivendicavano uno status politico e sociale proprio come una volta avevano fatto i soldati tribali. Ma l’economia greca si è poi evoluta, in particolare con il crescere del commercio e delle città. La struttura sociale divenne di conseguenza più complessa e le disuguaglianze si ampliarono in molti modi.

C’erano anche, tuttavia, caratteristiche distintive nel modello greco. Poiché la Grecia continentale era così rocciosa e montagnosa, che scoraggiava la coltivazione del grano, molte città arrivarono a dipendere in modo insolitamente pesante dal commercio marittimo (e dalle colonie). Le guerre e la colonizzazione frequenti hanno prodotto abbondanti opportunità di impadronirsi degli schiavi, e la classica società mediterranea ha mantenuto una maggiore dipendenza dalla schiavitù rispetto a quanto accadeva nella civiltà indiana o cinese nello stesso periodo.

Parallelamente, mentre la Grecia ha sviluppato molti prodotti artigianali, è stata prestata una minore attenzione al miglioramento della tecnologia di produzione rispetto a Cina o India. Ciò rifletteva la preoccupazione greca per la scienza come sistema filosofico piuttosto che come una raccolta di utili dati empirici. Riflette anche la schiavitù diffusa, che ha ridotto il bisogno di pensare a modi migliori di produrre perché molti dei compiti più difficili sono stati fatti con manodopera a basso costo e coercitiva.

Il tono aristocratico pronunciato persisteva nella società e nella politica, in base all’importanza dell’élite terriera. Gli aristocratici hanno avuto il tempo di dedicarsi alla vita politica, sostenendo di aver portato virtù speciali, di educazione e disinteresse, al processo politico. Il patrocinio culturale aristocratico contribuì anche a dare forma all’arte mediterranea, alla letteratura e all’educazione della gioventù aristocratica (soprattutto i ragazzi).

Il tenore aristocratico della società greca si mostrava nella posizione ambigua dei mercanti. La Grecia è stata progressivamente coinvolta con il crescente commercio. Eppure persisteva il sospetto aristocratico dei valori mercantili, in particolare tra i conservatori che facevano esplodere il cambiamento nel nome della tradizionale austerità. Sparta, che aveva terre insolitamente fertili, cercò di minimizzare il commercio.

La moneta volutamente ingombrante scoraggiava il commercio, mentre coloro che gestivano le proprietà aristocratiche si concentravano sulla direzione di una popolazione semi schiava di lavoratori agricoli. Anche nella vivace Atene, la maggior parte dei mercanti erano stranieri (principalmente dal Medio Oriente). Nel complesso, i commercianti detenevano uno status più elevato nel Mediterraneo classico rispetto alla Cina confuciana, ma la loro posizione era meno solida che in India.

Add Comment