Parità di potere d’acquisto (PPP): cos’è e come utilizzarlo

La parità del potere d’acquisto (PPP) è un tasso di cambio teorico che consente di acquistare la stessa quantità di beni e servizi in ogni paese. È un tasso teorico perché nessun paese lo utilizza effettivamente. Ma le agenzie governative lo usano per confrontare la produzione di paesi che usano tassi di cambio diversi.

Il calcolo della parità del potere d’acquisto indica quanto costerebbe se tutti i paesi utilizzassero l’EURO. In altre parole, descrive il costo di qualsiasi cosa acquistata in tutto il mondo se fosse venduta in Europa. Il totale di tutti quei beni e servizi è uguale alla produzione economica della zona. Aggiungendo il numero prodotto in un anno, si otterrà il Prodotto Interno Lordo (PIL) di un Paese misurato dal PPP.

Per molti paesi in via di sviluppo, il PPP è stimato utilizzando un multiplo della misura ufficiale del tasso di cambio. Per i paesi sviluppati, le misure OER e PPP sono più simili. I loro standard di vita sono più vicini a quelli presenti in Europa.

Come usare il PPP

Quale è il paese che ha la più grande economia del mondo? Sarebbe facile rispondere alla domanda se tutti i paesi usassero ad esempio il dollaro USA. Ma tutti lo usano. Ad esempio, nel 2017 la Cina ha prodotto beni e servizi per un valore di 127 trilioni di yuan. Utilizzando un tasso di cambio di 6,37 yuan per dollaro, sono 11,97 trilioni di dollari. Gli Stati Uniti hanno prodotto 19,36 trilioni di dollari, ma la maggior parte di quella differenza nasce perché il costo della vita in Cina è molto più basso che negli Stati Uniti. Poiché questo metodo dipende dai tassi di cambio, il PIL cinese cambierà quando cambierà il suo tasso di cambio.

Un po’ di storia

Il PPP è stato creato dopo la prima guerra mondiale. Prima di allora, la maggior parte dei Paesi faceva affidamento sul gold standard. In pratica, il tasso di cambio di un paese determinava quanto oro valeva la valuta. La maggior parte ha poi abbandonato il gold standard per finanziare la guerra. Hanno stampato tutto il denaro necessario, creando inflazione.

Dopo la guerra, l’economista svedese Gustav Cassel ha suggerito di moltiplicare il valore prebellico di ciascuna valuta per il suo tasso di inflazione, ottenendo così la nuova parità. Ciò ha costituito la base per il PPP odierno.

La teoria dietro al PPP

La parità del potere d’acquisto si basa su una teoria economica che afferma che i prezzi di beni e servizi dovrebbero pareggiare nel tempo tra Paesi. Il commercio internazionale consente alle persone di fare acquisti al miglior prezzo. Dato abbastanza tempo, questo shopping comparativo consente a tutti il ​​potere d’acquisto di raggiungere la parità o l’equalizzazione.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi