Una società può creare più azioni?

Assegno sociale: a chi spetta e come richiederlo

Una società crea tecnicamente più azioni quando fa una scissione delle stesse. In questo caso, non accade nulla di materiale: il valore del detentore di azioni non viene diluito e la capitalizzazione di mercato della società non cambia. Questo è un non-evento finanziario.

Una società può creare più azioni e tenerle in tesoreria, e non è altro che un’approvazione del consiglio di amministrazione per creare più condivisioni. Fino a quando le azioni non saranno vendute al pubblico attraverso una IPO secondaria o altri mezzi, anche questo non è un evento finanziario.

Il caso più interessante è quando un’azienda crea più azioni da vendere sul mercato per raccogliere capitali. Questo è spesso visto come una diluizione del valore del detentore di azioni, ma alcuni fraintendono questo come un problema di domanda / offerta e, poiché vi è una maggiore offerta di azioni della società, i prezzi scenderanno; altri, invece, fraintendono la diluizione del valore della stessa società che ora ha il doppio del numero di azioni (dimenticando che la società non ha distribuito le azioni gratuitamente, ma in realtà ha ottenuto un sacco di soldi). Quando una società emette nuove azioni, la diluizione del valore si verifica a causa di un motivo molto diverso.

Immaginiamo che una società abbia 1 milione di euro di azioni a € 100 cadauna. Questa è una capitalizzazione di mercato di € 100 milioni. Facciamo finta di possedere 1000 azioni della società, quindi 1/1000 della società.

Supponiamo che la società offra 1 milione di azioni in più in una IPO secondaria. Supponiamo che la società possa vendere le nuove azioni al prezzo di mercato attuale di € 100. Ora la società avrebbe una capitalizzazione di mercato di € 200 milioni di cui € 100 milioni in contanti. In questo caso, possediamo 1/2000 di una società da € 200 milioni, quindi non abbiamo guadagni o perdite netti, solo diluizione della proprietà (che significa anche diluizione dei diritti di voto).

Possiamo pensare allo scenario di cui sopra in questo modo: prima della nuova emissione di azioni, il mercato valutava la società a € 100 milioni. La società non ha distribuito gratuitamente 1 milione di nuove azioni, ma ha raccolto € 100 milioni in contanti: questo dovrebbe farne una società del valore di € 200 milioni. Possedendo 1/2000 di questa azienda, non dovremmo subire alcuna perdita.

Ma, quando la società offre 1 milione di azioni in più, il prezzo delle azioni scenderà in modo significativo, diciamo a € 70. Ciò non è dovuto a una maggiore offerta e né perché la stessa società ha il doppio delle azioni.

Ecco il vero motivo: prima della nuova emissione di azioni, il mercato valutava la società a € 100 milioni. Questa valutazione include un multiplo di prezzo per i guadagni dell’azienda (rapporto PE) perché la società ha attività performanti (fabbriche, marchio, prodotti, persone, edifici, processi, brevetti) e perché il mercato prevede che continuerà a generare entrate e profitti. Supponiamo che il rapporto PE sia 10. Il contante, al contrario, non ha multipli di prezzo. E il PE è pari a 1 (o forse 1 + tasso di interesse privo di rischio).

Pertanto, la società è ora valutata come una società da € 100 milioni con un PE di 10 per la sua attività attuale più la nuova liquidità che ha un PE di 1. Ora, però, ha il doppio delle azioni. Di conseguenza, ogni azione non ha più un PE pari a 10, poiché il denaro extra che la società ha appena raccolto vendendo 1 milione di nuove azioni ha un PE pari a 1 solo rispetto a 10 comandato dalle attività in bonis dell’azienda.

Il nuovo prezzo delle azioni rispecchierebbe quindi questa situazione finanziaria: parte delle attività della società sono semplicemente liquidità in sofferenza; di conseguenza, la società netta non comanderà più lo stesso prezzo multiplo ai guadagni. Il nuovo prezzo delle azioni rifletterà anche in che modo l’azienda trasformerà il denaro in valore.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi