Economia post Covid-19: l’Europa pensa ad un “piano verde” per il rilancio

europa

Saranno i trilioni di euro a rimettere in piedi l’UE dopo che l’epidemia di Covid-19 oppure il “Green Deal” europeo fornirà lavoro e stimolo economico per riportare l’Europa alla vita?

Circa 13 ministri degli Stati membri dell’UE incaricati dai loro elettori di combattere i cambiamenti climatici e proteggere l’ambiente hanno firmato una lettera aperta alla Commissione europea chiedendo il Green Deal. “Se rilanciamo l’economia nella direzione sbagliata, rischiamo di danneggiare il muro della crisi climatica”, ha affermato Pascal Canfin, deputato francese e presidente della Commissione per l’Ambiente del Parlamento europeo. “Dobbiamo unire tutte le energie per una ripresa verde”.

Nell’ultimo appello a lettera aperta, che Canfin ha aiutato a coordinare, c’è scritto: “Facciamo appello ad un’alleanza globale tra decisori politici interpartitici, leader aziendali e finanziari, sindacati, ONG e parti interessate per sostenere e attuare l’istituzione di pacchetti di investimento per il recupero verde che fungano da acceleratori della transizione verso la neutralità climatica e gli ecosistemi sani. Pertanto, ci impegniamo a lavorare insieme, condividere conoscenze, scambiare competenze e creare sinergie per fornire le decisioni di investimento di cui abbiamo bisogno”.

La riunione della COP26 prevista per novembre sui cambiamenti climatici in Scozia è stata rinviata, ma i 13 ministri dell’ambiente che hanno aderito allo al green deal hanno affermato che l’ambizione di aumentare l’obiettivo di riduzione delle emissioni di carbonio entro il 2030 da parte dell’UE quest’anno dovrebbe essere mantenuta.

“Dovremmo resistere alle tentazioni di trovare soluzioni a breve termine in risposta all’attuale crisi, le quali rischiano di bloccare l’UE in un’economia dipendente dai combustibili fossili per i decenni a venire”, hanno affermato i ministri nella loro lettera congiunta. “Alla luce di ciò, siamo lieti che la Commissione sia sulla buona strada per presentare entro settembre 2020 un piano di valutazione d’impatto per aumentare le ambizioni dell’UE per il 2030 e ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 50-55%, rispetto ai livelli del 1990”.

Le argomentazioni che potrebbero favorire l’introduzione di un simile piano di risanamento sono state adeguatamente illustrate dopo la decisione di lanciare un pacchetto iniziale di sostegno economico da 540 miliardi di euro.

Dato che la Germania, fiscalmente conservatrice, ha continuato a rifiutare le richieste di emissioni di Coronabond, sostenute congiuntamente dagli Stati membri dell’UE per ridurre il costo di capitale, i Paesi Bassi hanno affermato che i 540 miliardi di euro dovrebbero essere spesi solo per le perdite direttamente causate dal coronavirus e dovrebbero avere delle stringhe fiscali allegate. Tali posizioni hanno provocato tumulti in Francia, Italia e Spagna; da qui la necessità di un secondo giro di colloqui prima che venisse rilasciata la prima tranche di finanziamenti, senza alcun coronabond.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi