La stabilità dell’economia globale ora dipende dalla capacità di attenzione di Trump

donald trump

Passata la legge sugli aiuti dalle discussioni tra i repubblicani del Senato ai negoziati tra la Casa Bianca e i Democratici, la stabilità dell’economia globale dipende dalla capacità di attenzione di Donald Trump.

Come spesso dicono gli economisti: “Quando l’America starnutisce, il mondo prende il raffreddore”. Ciò significa che quando l’economia statunitense sta male, lo è anche l’economia globale. In questo momento quasi tutti gli economisti stanno dicendo che ritardare gli aiuti agli americani che soffrono per la pandemia di coronavirus indebolirà significativamente l’economia e questo mette a rischio il mondo.

Questa preoccupazione vale soprattutto per i 600 dollari in più che il governo federale dovrebbe utilizzare per far fronte alla disoccupazione. La mancata continuazione di tali pagamenti potrebbe comportare la perdita di 1,1 milioni di posti di lavoro entro la fine dell’anno.

Di conseguenza:

  • La sospensione dei pagamenti potrebbe ridurre il PIL degli Stati Uniti del 2% entro la fine dell’anno.
  • 5,4 milioni saranno insolventi entro la fine di agosto e un totale di 9 milioni lo saranno entro la fine di settembre se i pagamenti non verranno proseguiti.
  • Mantenere i pagamenti fino alla metà del 2021 fornirebbe un aumento trimestrale del PIL del 3,7%.
  • Senza il supplemento federale, i sussidi di disoccupazione settimanali a livello nazionale si attestano in media a meno di 400 dollari a settimana.

Questo è il problema che Donald Trump ora ha sulle spalle, ma è ovvio che non può davvero concentrarsi su di esso. Per tutta la durata di queste discussioni ha cercato di puntare su elementi irrilevanti (1,8 miliardi di dollari per un nuovo edificio dell’FBI) o completamente inutili (una riduzione dell’imposta sui salari).

A Trump non importa cosa dicono gli economisti fino a quando il mercato azionario non inizia a cadere, e non si preoccupa della vita quotidiana degli americani che soffrono per questa pandemia a meno che non veda prove concrete (più e più volte) che fanno parte della sua base.

La maggioranza del Senato avrebbe potuto fermare questa follia scrivendo un disegno di legge adeguato, uno su cui i Democratici avrebbero potuto negoziare in modo fattibile. Ma invece i membri repubblicani sono caduti nella rabbia ideologica e nelle lotte intestine quando si sono trovati di fronte alla prospettiva di continuare ad aiutare gli americani sofferenti, come se il denaro che avrebbero restituito al popolo non appartenesse già al popolo. Il disegno di legge che hanno scritto è un non-starter per i Democratici, aggiungendo più difficoltà al compito della Casa Bianca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi