Mediaset sotto i 2 euro ad azione

Mediaset mai così male. Dall’inizio dell’anno il titolo ha perso il 56% del suo valore raggiungendo ieri il record negativo di 1,99 euro ad azione. Dopo aver perso un ulteriore 3,8% il titolo mediaset scende sotto la soglia psicologica di 2 euro ad azione per una capitalizzazione complessiva di soli 2,35 miliardi. In più, all’orizzonte, ci sono tutte le incertezze per il suo futuro in Spagna, dove la raccolta pubblicitaria è a rischio, e in Italia dove gli ascolti continuano ad essere sotto le attese.

Insomma per Mediaset si prospettano mesi difficili sotto diversi punti di vista. Per quanto riguarda le televisioni italiane del gruppo c’è da sottolineare che gli ascolti di alcuni programmi storici (come ad esempio il tg5) sono in calo attestandosi sotto le aspettative.

Ma le difficoltà più grandi potrebbero esserci in Spagna dove il nuovo governo dovrebbe annullare i bandi pubblicitari sui canali pubblici con forti ripercussioni negative sui conti di Mediaset Espana che ha perso solo ieri oltre il 3%.

Oltre a questo si aggiungono le prospettive negative per i prossimi mesi visto che la crisi economica che sta attanagliando l’Europa non favorirà di certo la raccolta pubblicitaria. Se a questo aggiungiamo che i risultati in termini di ascolti dei programmi del gruppo non sono certo ai massimi storici è chiaro che Mediaset avrà il suo bel da fare per recuperare le cattive performance di borsa degli ultimi mesi che l’anno portata a dimezzare il suo valore.

Dopo l’emorragia dei nomi storici dalla Rai come Santoro, Ventura o Dandini, si pensava che Mediaset potesse fare strage di ascolti. Invece è andata rafforzandosi la piccola La7 che ora tanto piccola non è più, al punto che alcuni programmi di punta, come il tg di Mentana, arrivano a fare numeri simili a quelli Canale5.

Questo significa un concorrente in più con cui dividere gli introiti pubblicitari che in questo contesto economico non sono proprio floridi come in passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi