Pensione ai superstiti: quando spetta e a chi

Pensione ai superstiti: quando spetta e a chi

La pensione ai superstiti è una prestazione economica che viene erogata in favore dei familiari del pensionato o del lavoratore.

La prestazione spetta alla seguenti categorie:

  •     al coniuge superstite, anche nel caso di separazione a condizione che sia stato riconosciuto dal Tribunale il diritto agli alimenti;
  •     al coniuge divorziato se titolare di un assegno divorzile;
  •     ai figli che alla data della morte del genitore siano nelle seguenti situazioni: minorenni, inabili, studenti o universitari ed a carico dello stesso.

Se mancano il coniuge ed i figli, la pensione può essere erogata ai genitori d’età non inferiore a 65 anni, che non siano titolari di pensione e che siano carico dello stesso.

In mancanza di una delle precedenti situazioni, la pensione può essere erogata ai fratelli celibi inabili e sorelle nubili inabili, non titolari di alcuna pensione, a carico dello stesso.

Pensione ai superstiti: requisiti

Il lavoratore deceduto deve aver maturato almeno 780 contributi settimanali o  almeno 260 contributi settimanali di cui almeno 156 nei cinque anni antecedente la data di decesso.

Il superstite del lavoratore che risultava assicurato al 31 dicembre del 1995 e deceduto senza aver raggiunto i requisiti minimi richiesti, può presentare domanda per richiedere l’indennità per morte, se il lavoratore deceduto non aveva ottenuto la pensione e nei 5 anni precedenti la data di morte è stato versato almeno un anno di contribuzione.

La domanda per ottenere l’indennità deve essere presentata entro il termine massimo di un anno dalla data del decesso del lavoratore.

Pensione a superstiti: indennità una tantum

Il superstite del lavoratore che risulta assicurato dopo il 31 dicembre del 1995 senza aver raggiunto i i requisiti amministrativi richiesti, può presentare domanda per richiedere l’indennità una tantum, se non risultano raggiunti i requisiti assicurativi e contributivi per la pensione indiretta, ed in possesso di redditi non superiori ai limiti che sono fissati dalla legge per la concessione dell’assegno sociale.

Pensione ai superstiti: presentazione della domanda

La domanda per ottenere la pensione ai superstiti può essere presentata attraverso le seguenti modalità:

  •     Internet: tramite i servizi telematici che risultano accessibili con PIN personale sul sito dell’Istituto, www.inps.it;
  •     telefono: chiamando il numero gratuito 803164 da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile;
  •     patronati: ricorrendo ai servizi dei patronati dislocati sul territorio.

Quando e quanto spetta

La pensione ai superstiti ha validità dal 1° giorno del mese successivo a quello del decesso del lavoratore o del pensionato.

L’ammontare spettante ai superstiti viene calcolato sulla pensione dovuta al lavoratore deceduto o sulla pensione nelle seguente percentuali:

  •     60%, solo coniuge;
  •     70%, solo un figlio;
  •     80%, coniuge e un figlio o due figli senza coniuge;
  •     100% coniuge e due o più figli o tre o più figli;
  •     15% per ogni altro familiare, che non sia coniuge, figli e nipoti.

 

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi