Business, Made in Italy varca i confini. Crescono multinazionali estere in Italia

industria

L’Italia è un paese di conquista per le multinazionali estere. Dal 2013 la crescita è stata del 3%, con un aumento del numero degli occupati pari al 4.7%. A mettere radici in Italia sono per lo più le imprese dell’Unione europea, ed in secondo luogo anche quelle statunitensi.

E queste nuove realtà, al contrario di quanto sono soliti fare gli imprenditori italiani, tendono ad impiegare molte più risorse in Ricerca & Sviluppo: circa 3 miliardi di euro con un aumento del 10.6% rispetto al 2013. Rispetto a tre anni fa, il numero di controllate straniere in Italia è in crescita di 404 unità. Non considerando i servizi finanziari, il loro fatturato si aggira attorno ai 524 miliardi di euro (+6.2%), mentre il valore aggiunto si attesta a quota 97 miliardi circa (+5.1%).

Ma anche l’Italia sembra intenzionata a crescere nel mondo. Nel 2014, le imprese italiane che hanno provato a cercare fortuna all’estero hanno fatturato il 15.2% rispetto al totale prodotto dalle imprese nazionali. Una quota che sale peraltro al 18.7% al netto degli acquisti di beni e servizi. Ma come si traduce tutto questo spostamento di risorse da un paese all’altro in termini di addetti?

Per quanto riguarda gli addetti, i paesi che registrano un netto incremento di imprese italiane sono Brasile (17mila nuove unità in un anno), Stati Uniti (+14mila) e Cina (+9mila). Per quale ragione allora gli italiani investono sempre più all’estero? La ragione principale è dettata dal desiderio di provare ad accedere a nuovi mercati. Inoltre vengono considerati determinanti in fase di scelta anche due altri fattori: l’incremento della qualità o la creazione di nuovi prodotti, e l’accesso a conoscenze nuove o a competenze tecniche specializzate.

Infine, non passa certo inosservato il fatturato esportato verso l’Italia dalle controllate italiane all’estero (operanti nel solo campo del Made in Italy): 46.2% per le industrie tessili e di confezionamento di articoli di abbigliamento e 41.7% per la fabbricazione di articoli in pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi