Che cos’è la stagflazione?

La stagflazione è un’espressione economica che si riferisce ad un periodo con crescita debole o nulla e forte inflazione. Affinché si verifichi la stagflazione, l’aumento dei prezzi e il rallentamento economico devono essere sostenuti.

Cause e conseguenze della stagflazione

La stagflazione può verificarsi a seguito di una grave crisi economica. Per stimolare la crescita, la banca centrale applica una politica monetaria espansiva abbassando i tassi d’interesse primari e, in alcuni casi, utilizzando strumenti non convenzionali come il quantitative easing (QE). Ciò ha l’effetto di aumentare l’offerta di moneta.

Questa creazione monetaria può generare un’inflazione elevata e, se la crescita economica non è sulla buona strada, allora può iniziare un periodo di stagflazione. Gli aumenti dei prezzi (misurati dall’indice dei prezzi al consumo) portano a una perdita significativa del potere d’acquisto delle famiglie. Di conseguenza, i consumi rallentano e le aziende abbassano quindi il livello di produzione. Ciò porta ad un aumento significativo del tasso di disoccupazione. Tutti questi elementi spingono verso il basso la crescita economica.

In generale, per emergere da un periodo di stagflazione, la banca centrale intensifica i meccanismi della creazione monetaria (tecnica di stampa delle banconote) per cercare di uscire dalla lenta crescita. Il problema è che i prezzi continuano ad aumentare.

Il fenomeno della stagflazione può anche essere dovuto a un aumento del prezzo delle materie prime (come ad esempio il petrolio). Ciò fa aumentare i costi di produzione delle aziende e, per mantenere intatti i loro margini, le aziende aumentano il prezzo di beni e servizi. Se questa situazione persiste, può portare a un’inflazione sostenuta e ad un calo dei consumi. Il declino della crescita economica e la stagflazione prendono quindi piede.

Esempio di stagflazione

Un esempio ben noto di stagflazione fu quello che seguì la prima crisi petrolifera nel 1973. Il forte aumento dei prezzi del petrolio rallentò significativamente l’attività economica e causò un forte aumento dell’inflazione. Questa situazione economica si verificò in Francia e negli Stati Uniti. A quel tempo, il Regno Unito era già stato colpito dalla stagflazione da diversi anni. Fu il primo ministro britannico Iain Macleod a inventare il termine nel 1965.

Per uscire da questa situazione economica, i vari paesi hanno messo in atto una politica per combattere la disoccupazione. In Francia, fu il governo Mitterand ad attuarla non appena fu eletto nel 1981. Fu, però, un fallimento totale: la disoccupazione rimase molto elevata, non declinò e continuò persino a crescere. Il tasso d’inflazione salì alle stelle.

Siccome la stagflazione persisteva, nel 1983 il governo Mitterand cambiò finalmente la sua politica. Fu l’inizio della fine. In molti paesi sviluppati, il keynesismo lasciò il posto al monetarismo. Era l’alba della politica di austerità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi