Liste per il 5 per mille, come si diventa soggetto destinatario?

redditiA partire dal 31 marzo scorso, i soggetti interessati possono inviare la domanda per entrare a far parte delle liste dei possibili beneficiari del 5 per mille. La possibilità di iscriversi è perciò aperta già da un po’ e può essere inoltrata tramite i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate: la procedura che è stata introdotta dalla Legge di Stabilità 2015 e attualmente coordinata dalla circolare n.13/E dell’Agenzia delle Entrate presuppone però tutta una serie di requisiti a cui attenersi per completare l’iscrizione.

Contributo 5 per mille: chi può diventare soggetto destinatario

Per beneficiare del 5 per mille dei contribuenti bisogna innanzitutto figurare come ente di volontariato o come associazione sportiva dilettantistica.

Nel primo caso parliamo di organizzazioni senza scopo di lucro e di utilità sociale, ma anche di enti ecclesiastici, organizzazioni di volontariato che sono regolarmente iscritte in appositi elenchi, organizzazioni non governative, associazioni di promozione sociale, cooperative sociali e associazioni e fondazioni di diritto privato; nel secondo caso vi rientrano invece tutte quelle associazioni sportive dilettantistiche che sono state riconosciute dal CONI sulla base delle disposizioni di legge.

In realtà c’è però una terza ipotesi che dà luogo alla possibilità di usufruire del 5 per mille, vale a dire il caso dei soggetti che non rispondono a quanto stabilito dalla circolare n.13/E del 26 marzo 2015 perchè governati da specifici settori di appartenenza: parliamo più nello specifico di enti di ricerca sanitaria, di enti di ricerca scientifica e università, dei Comuni di residenza che svolgono attività sociali e di soggetti che svolgono attività di tutela, di promozione, di conservazione e di valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici.

Contributo 5 per mille: come si diventa soggetto beneficiario

Enti di volontariato e associazioni sportive dilettantistiche che vogliono diventare soggetti destinatari del 5 per mille possono farne richiesta, entro il termine ultimo del 9 maggio, tramite un’apposita domanda predisposta dall’Agenzia delle Entrate. Questa domanda può essere inoltrata all’AdE sia tramite intermediari abilitati a Entratel (come professionisti, associazioni di categoria e Caf), sia dall’associazione stessa nel caso in cui dovesse avere accesso ai servizi Entratel o Fisconline.

Sono considerati ammissibili alle liste del 5 per mille 2016 anche quegli enti che hanno sì inviato la domanda di iscrizione ma che l’hanno fatto in maniera o errata o irregolare: la condizione per ricevere comunque il contributo dei lavoratori è però di provvedere ad integrare entro e non oltre il 30 settembre 2016 quei documenti che permettano di regolarizzare la propria posizione (c’è inoltre da versare una sanzione di importo pari a 250 euro in casi-limite come questi).

Inoltre gli enti di volontariato e le associazioni sportive che sono entrate a far parte delle liste per il 5 per mille, entro il 30 giugno devono far recapitare una dichiarazione sostitutiva tramite cui attestano di essere in possesso di tutti i requisiti necessari per l’iscrizione all’interno di queste liste. L’invio di tale dichiarazione di atto notorio può avvenire tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite posta certificata, e va diretto o alla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate (nel caso degli enti di volontariato) o all’ufficio CONI di competenza (per quanto riguarda le associazioni sportive dilettantistiche).

Liste 5 per mille: riepilogo delle scadenze per entrarne a far parte

Dal momento in cui sono diverse e spalmate nel tempo le date che occorre rispettare per iscriversi alle liste per il 5 per mille, riepiloghiamo un attimo quali sono le scadenze a cui ottemperare per far sì che le cose vengano svolte in maniera regolare e lontana da ogni possibile sanzione.

  • Entro il 9 maggio 2016 gli enti di volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche devono inviare la domanda di iscrizione all’Agenzia delle Entrate;
  • entro il 14 maggio 2016 avviene la pubblicazione dell’elenco provvisorio degli enti di volontariato e delle associazioni sportive che hanno provveduto a completare l’iscrizione;
  • entro il 20 maggio 2016 si è ancora in tempo per correggere eventuali errori di iscrizione negli elenchi dei soggetti beneficiari;
  • entro il 25 maggio 2016 ha luogo la pubblicazione dell’elenco aggiornato degli enti di volontariato e delle associazioni sportive che sono entrati a far parte degli elenchi per il 5 per mille;
  • entro il 30 giugno 2016 v’è il termine ultimo per l’invio delle dichiarazioni sostitutive all’Agenzia delle Entrate;
  • entro il 30 settembre 2016 bisogna regolarizzare la propria domanda di iscrizione e/o provvedere ad integrare la documentazione con tutto l’occorrente che non è ancora stato fatto recapitare.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi