Sgravi fiscali nelle finanziarie dei paesi europei

In questi giorni, nelle finanziarie dei maggiori paesi europei, vengono approvati provvedimenti straordinari per fronteggiare la crisi finanziaria che sta letteralmente mettendo in ginocchio milioni di famiglie e imprese. Tutti i principali paesi europei, oltre agli Stati Uniti (il paese più colpito dalla crisi economica) hanno approvato in tutta fretta importanti sgravi fiscali per tentare di frenare la crisi ridando stabilità all’economia.

Ecco alcune delle misure più importanti varate dai singoli paesi dell’Unione:


Italia

– Differimento del pagamento dell’IVA;

Bonus di un importo variabile dai 200 ai 1000 euro per le famiglie con un reddito fino a 22.000 euro;

Social Card di 40 euro al mese per tutte le famiglie con un reddito fino a 6.000 euro;

– Blocco delle tariffe autostradali e ferroviarie;

Germania

– Finanziamenti agevolati per le ristrutturazioni delle case;

– Estensione fino a 18 mesi dei sussidi per lavoratori a tempo determinato;

– Eliminazione della tassa automobilistica per 2 anni in caso di acquisto di nuovi veicoli euro 5 o euro 6;

Gran Bretagna

– Sgravi fiscali di entità variabile per cira 5 milioni di famiglie a basso reddito;

– Taglio dell’IVA per la durata di 13 mesi al 15%;

– Riduzione dei tempi per i pagamenti della pubblica amministrazione alle aziende private;

Spagna

– Sconto di 1500 euro sui contributi per le aziende che assumono un disoccupato;

– Riduzione IRPEF per un valore di circa 400 euro a contribuente;

– Deduzioni per chi acquista la prima casa (per redditi fino a 33.000 euro);

Francia

– Riduzione dell’Iva sulle auto;

– abolizione dell’IRAP;

– incentivi sull’acquisto di euto ecologiche;

– incentivi sulle ristrutturazione ecologiche delle abitazioni;

Saranno sufficienti queste manovre per arginare i problemi della crisi? Quali, secondo te, sono le altre soluzioni possibili per ridare slancio all’economia evitando il pericolo di una recessione globale? Aspetto di sapere cosa ne pensi nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi